Appartamenti LondraPrima della partenza per Londra, una delle cose più importanti da organizzare è senza dubbio quella dell'alloggio, in lingua inglese 'Accommodation'. Non andate allo sbaraglio, in una città grande come la capitale inglese non scordate che siete alle prese con una delle metropoli più grandi del mondo. Organizzatevi al meglio, volo, alloggio, studio e lavoro, dipende da quali sono i vostri programmi e dalla lunghezza del vostro pernottamento.

Il sistema di alloggio che va per la maggiore è quello degli appartamenti in condivisione, i flatshare: sono appartamenti con la presenza di due o più camere da letto, che nel Regno Unito diventano rispettivamente un two bedroom e un three bedroom, e che possono accogliere diverse persone a seconda del tipo di contratto offerto. Esistono diverse formule di affitto in appartamento, ci si può riferire ad un 'tutto compreso' dove l'affitto include appunto la rata settimanale o mensile più le spese da sostenere (bollette luce, acqua, gas, telefono, condominio, spese municipali e altre, come le spese di ordinaria amministrazione) oppure la formula affitto senza spese incluse e pagabili a parte dagli inquilini. I due casi in apparenza simili sono ben diversi e applicabili a seconda del periodo di tempo che l'inquilino intende occupare l'appartamento.

Nel primo caso, di solito ci troviamo di fronte ad una formula tipo  bedsit o ad un 'holiday letting', si affitta solo un posto letto nell'appartamento (che può essere un posto in camera singola, doppia o anche trippla. Colui che lo occupa sarà responsabile di pagare appunto solo l'affitto del suo posto letto e non l'intero appartamento, qualora questo improvvisamente si svuoti. Un grosso sospiro di sollievo, che dire!
La gestione della conduzione della casa sarà in 'sharing' cioè in condivisione, cucina e bagni sono in comune e gli inquilini in genere non arrivano tutti insieme. É questa una soluzione ideale per coloro che si trovano a Londra di passaggio, che arrivano in città e sono ancora indecisi su quanto fermarsi. Il contratto infatti è di breve periodo (in genere per periodi non superiori alle 5 settimane ma con possibilità di estensione). Si prevede inoltre il versamento di un deposito cauzionale minimo in genere di 2 o 3 settimane.
 
Nel secondo caso, gli appartamenti in sharing hanno un contratto a medio e lungo termine e sono infatti previsti per periodi di 6 o di 12 mesi.  Siamo di fronte ad affitto non 'tutto incluso', bollette di ordinaria amministrazione (luce, acqua, gas, telefono, ecc) e costi di ordinaria amministrazione (come idraulico, ecc.) sono appunto escluse e pagabili dall'inquilino, che diventa appunto titolare delle stesse. É una soluzione meno transitoria della precedente e più definitiva, adatta a coloro che intendano trattenersi a Londra per un periodo di molto superiore rispetto al precedente. Il deposito cauzionale corrisponde ad uno o due mesi di  affitto, il quale è anche pagabile ogni mese in anticipo, troppo alto per coloro che si apprestano a raggiungere Londra. Sono richieste diverse referenze di tipo bancario e di buona condotta (inglesi, non italiane).

Ricordiamo infine che è sempre meglio avere la certezza e la sicurezza di un posto letto prima di partire e arrivare nella capitale inglese (magari anche solo di breve periodo), non è desiderabile ritrovarvi stanchi e timorosi al vostro arrivo e vagare alla ricerca di un alloggio in giro per la città.

Richiesta alloggi Londra

Nome e Cognome (*)

Invalid Input
Data di Arrivo (*)

Invalid Input
Telefono (*)

Invalid Input
Scuola di inglese se conosciuta per ricevere sconto (*)

Invalid Input
Email (*)

Invalid Input